giovedì, 16 Maggio , 24

Spotify, nel 2023 royalties per 126 milioni per gli artisti italiani

Video NewsSpotify, nel 2023 royalties per 126 milioni per gli artisti italiani

Triplicati quelli che hanno generato oltre 10.000 euro

Roma, 16 mag. (askanews) – Loud&Clear, il report annuale di Spotify sull’economia dello streaming musicale, ha diffuso per la prima volta una serie di insight dedicati al mercato italiano. Il report fa luce sull’evoluzione del settore e sulla crescita degli artisti italiani, di cui aumentano gli ascolti, il successo e gli introiti – in Italia e all’estero.Federica Tremolada, Managing Director Southern & Eastern Europe Spotify: “I dati ci fanno vedere come Spotify stia facendo crescere gli artisti italiani proprio in Italia. L’80% infatti degli artisti presenti ogni giorno nella Top-50 nel 2023 sono stati artisti italiani. Più ascolti significa anche più ricavi: il numero infatti di artisti che solamente da Spotify hanno avuto più di 10.000 euro di ricavi è più che triplicato negli ultimi sei anni, mentre quelli che hanno avuto più di 50.000 euro di ricavi è più che quadruplicato”.Il mercato italiano ha avuto infatti un tasso di crescita nel 2023 del 18.8% – fra i più alti al mondo – ed è ora il terzo in Europa per dimensione (Fimi). Ma il tasso di crescita dei ricavi generati dagli artisti italiani tramite Spotify è addirittura superiore, e si attesta al 20%. “Se guardiamo all’industria musicale italiana in generale – ha spiegato Tremolada – il totale delle royalties generate dagli artisti italiani è stato circa di 126 milioni di euro solamente da Spotify, e nell’arco temporale degli ultimi sei anni il dato è cresciuto di più del 400%”Oltre ad aumentare il numero di artisti musicali che generano ricavi e ridurre quindi le diseguaglianze, dal rapporto emerge anche come Spotify stia aiutando ad abbattere le barriere linguistiche nella musica a livello globale: “Un altro dato interessante – ha concluso Tremolada – è che gli artisti italiani stanno avendo sempre più successo anche all’estero: il 50% infatti dei loro ricavi deriva da scolti che sono stati fatti fuori dal nostro paese”.E l’Italia esporta musica di ogni genere: dalla dance al pop, dalla musica classica al rap. La classifica dei 10 più ascoltati all’estero nel 2023 (dati Wrapped) comprende infatti M neskin, Meduza, il pianista Ludovico Einaudi, Gabry Ponte e il genio della musica barocca Antonio Vivaldi. E ancora Laura Pausini, Eros Ramazzotti, Gigi D’Agostino Andrea Bocelli e Baby Gang.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles