2.8 C
Firenze
martedì, Gennaio 31, 2023

Nuvolaris: la startup italiana che rivoluziona il cloud

Must read

Le prime pagine dei quotidiani di Martedì 31 Gennaio 2023

RIRPODUZIONE RISERVATA Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it continua a...

Il Fmi alza le stime di crescita, l’Italia sfugge alla recessione

Pil 2023 +0,6%. Alzate anche previsioni globali ma limate su 2024 Roma, 31 gen. (askanews) - Il Fondo monetario internazionale ha rivisto al rialzo le...

I volti di mille anziani in piazza Duomo: un’installazione di JR

Il progetto Inside Out arriva a Milano, sui due Arengari Milano, 30 gen. (askanews) - Un capitolo milanese per il progetto "Inside Out" dell'artista francese...

Udinese-Verona 1-1, a Lazovic risponde Samardzic

Verona a -5 dalla salvezza Roma, 30 gen. (askanews) - Il pareggio tra Udinese e Verona (1-1) chiude la 20^ giornata del campionato di Serie...

E piace a sviluppatori, professori e investitori

Roma, 25 gen. (askanews) – “Programmo da quando avevo 14 anni e usavo un Commodore 64”. A raccontarlo è Michele Sciabarrà, siciliano residente a Londra, una laurea in Scienze dell’Informazione, autore presso O’Reilly uno egli editori specializzati più prestigiosi al mondo e un curriculum di livello altissimo. “Ho lavorato per anni come sviluppatore, commerciale e consulente all’interno di tante aziende internazionali e ho capito che era questo il momento giusto per lanciare la mia startup: Nuvolaris”. Nuvolaris è un sistema operativo per lo sviluppo in cloud che permette agli sviluppatori di essere più efficienti, più veloci e più precisi. “Oggi – racconta Sciabarrà – chiunque voglia sviluppare, lo fa in cloud perché è diventato impensabile produrre qualcosa che funzioni su server fisici. Gestire decine di server di questo tipo all’atto pratico risulta quasi impossibile. Inoltre, aggiungere un nuovo server alla propria rete può richiedere settimane di lavoro e migliaia di euro d’investimento, mentre se si lavora in cloud servono pochi minuti e l’investimento si riduce a pochi centesimi”.

Lavorare in cloud è quindi ormai una scelta indispensabile. Ma per farlo, bisogna essere preparati ad affrontare molte complessità. “Le aziende che fanno sviluppo possono usare il cloud in modalità serverless affidando di fatto a un cloud provider la gestione dei server, ma ciò vuol dire essere legati e vincolati a quello specifico fornitore; soluzione che, posso garantire, non gode di grande simpatia. Esiste anche una seconda modalità serverless, aperta che permette di usare tutti i cloud in circolazione senza sentirsi legati a uno in particolare: è quella che viene chiamata Kubernetes. Ma anche questa modalità ha un problema: se da una parte libera le aziende da un legame troppo stretto con un solo fornitore, dall’altra risulta complicatissima ed estremamente laboriosa da implementare. Per questo è nata Nuvolaris, una piattaforma che rende Kubernetes facilissima da usare. Proprio come WordPress ha reso facilissimo creare siti web quando per farlo servivano competenze molto specifiche e non alla portata di tutti”.

Per quanto Nuvolaris non sia una realtà facile da raccontare al grande pubblico, sviluppatori, professori di informatica e addetti ai lavori hanno immediatamente intuito le potenzialità di questa tecnologia manifestando esplicitamente la volontà di investire in questo formidabile progetto. Per questo motivo Sciabarrà e il suo team hanno avviato una campagna di crowdfunding internazionale sulla piattaforma Crossfund.com che in pochi giorni ha raccolto adesioni per oltre 350mila dollari e conta di arrivare al mezzo milione. “È importante notare – precisa Mirella Di Girolamo, CFO della startup – che oltre a contare su un team di super esperti e con un grande seguito, Nuvolaris opera in un mercato globale, uno dei principali del cloud-native, quello serverless che raggiungerà i 25 miliardi di dollari di valore entro il 2026. Ma il TAM (Total Addressable Market) è molto più ampio, visto che copre anche quello delle soluzioni Kubernetes e del cloud privato. In soli sei mesi di attività la giovanissima startup ha già iniziato a lavorare con importanti aziende portando a casa ordini per oltre 70mila dollari”. Insomma, c’è una rivoluzione globale in corso e porta la firma del Made in Italy.

continua a leggere sul sito di riferimento

Latest article

Le prime pagine dei quotidiani di Martedì 31 Gennaio 2023

RIRPODUZIONE RISERVATA Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it continua a...

Il Fmi alza le stime di crescita, l’Italia sfugge alla recessione

Pil 2023 +0,6%. Alzate anche previsioni globali ma limate su 2024 Roma, 31 gen. (askanews) - Il Fondo monetario internazionale ha rivisto al rialzo le...

I volti di mille anziani in piazza Duomo: un’installazione di JR

Il progetto Inside Out arriva a Milano, sui due Arengari Milano, 30 gen. (askanews) - Un capitolo milanese per il progetto "Inside Out" dell'artista francese...

Udinese-Verona 1-1, a Lazovic risponde Samardzic

Verona a -5 dalla salvezza Roma, 30 gen. (askanews) - Il pareggio tra Udinese e Verona (1-1) chiude la 20^ giornata del campionato di Serie...

Ricci (Pd): “I Comuni non hanno le risorse per affrontare i rincari dell’energia”

ROMA – "Non ci sono le risorse necessarie per l’aumento del costo energetico, ovviamente tutti noi ci auguriamo che nel 2023 il prezzo del...