9.9 C
Firenze
venerdì, Dicembre 2, 2022

I medici dell’emergenza-urgenza “lavorano il doppio ma li pagano la metà”

Must read

Rapporto Fp Cgil: 1 milione e 200 mila assunzioni per salvare i servizi ai cittadini

E’ quanto emerge dal Rapporto “Piano straordinario per l’occupazione nel settore pubblico” presentato oggi nella sede della Cgil nazionale a Roma alla presenza del...

Lula presidente giura a ritmo di musica. Il Brasile si prepara per il ‘Lulapalooza’

Di Joao Marcelo SAN PAOLO (BRASILE) – E’ già stato ribattezzato ‘Lulapalooza’, il festival che si terrà il primo gennaio 2023 in occasione della...

Bassetti avverte: “Preoccupano altri virus oltre il Covid, il rischio è Natale a letto”

ROMA – “Nutro preoccupazioni per tutto ciò che non è Covid. Negli ultimi due anni abbiamo parlato unicamente di Covid e probabilmente la gente...

Da Palermo Fast Track City, un nuovo modello contro l’Hiv

PALERMO – Palermo al centro della lotta all’HIV e delle altre malattie infettive. Questo il messaggio che parte dalle iniziative che si sono tenute...

REGGIO EMILIA – Lavorano “il doppio, ma li pagano la metà”: succede ai medici dell’emergenza-urgenza in forza all’Ausl di Reggio Emilia. Quando hanno aperto i cedolini delle buste paga si sono trovati gli straordinari pagati meno delle ore ordinarie. A segnalare l’accaduto è lo Snami di Reggio Emilia. “A seguito di un (dis)accordo aziendale dove l’Azienda ha di fatto pensato di escludere il confronto con lo Snami, il sindacato maggiormente rappresentativo del settore 118, oggi sono stati pubblicati i cedolini stipendiali dei medici 118 nell’Ausl di Reggio Emilia e i medici si sono ritrovati con le ore straordinarie, le tantissime ore straordinarie, pagate meno di quelle ordinarie, con perdite economiche lorde, per i medici che si sono ‘fatti il mazzo di più’ per tenere aperta la baracca, di migliaia di euro“. Inoltre, “nemmeno i rimborsi dei chilometri sono stati pagati”.

E IL SINDACATO DEI MEDICI SI CHIEDE: SIAMO DI FRONTE A INCOMPETENZA A O VESSAZIONE?

Messi in fila questi fatti, “ci si chiede se questa azione sia l’ennesima deliberata azione vessatoria nei confronti dei medici, o derivi da quell’accordo aziendale appena siglato, o dall’incompetenza della catena di comando che dovrebbe garantire che il personale dell’emergenza, quello che piu’ manca, sia trattato decentemente”, contesta infine lo Snami.

LEGGI ANCHE: Carenza medici emergenza, Snami Bologna: allargare partecipazione ai 200 candidati ai bandi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it continua a leggere sul sito di riferimento

Latest article

Rapporto Fp Cgil: 1 milione e 200 mila assunzioni per salvare i servizi ai cittadini

E’ quanto emerge dal Rapporto “Piano straordinario per l’occupazione nel settore pubblico” presentato oggi nella sede della Cgil nazionale a Roma alla presenza del...

Lula presidente giura a ritmo di musica. Il Brasile si prepara per il ‘Lulapalooza’

Di Joao Marcelo SAN PAOLO (BRASILE) – E’ già stato ribattezzato ‘Lulapalooza’, il festival che si terrà il primo gennaio 2023 in occasione della...

Bassetti avverte: “Preoccupano altri virus oltre il Covid, il rischio è Natale a letto”

ROMA – “Nutro preoccupazioni per tutto ciò che non è Covid. Negli ultimi due anni abbiamo parlato unicamente di Covid e probabilmente la gente...

Da Palermo Fast Track City, un nuovo modello contro l’Hiv

PALERMO – Palermo al centro della lotta all’HIV e delle altre malattie infettive. Questo il messaggio che parte dalle iniziative che si sono tenute...

Azienda elargisce a dipendenti 1.000 euro in buoni spesa per Natale

ASCOLI PICENO – Fainplast, azienda di Ascoli Piceno specializzata nella produzione di compound per cavi, anche per questo Natale ha pensato a tutti i suoi 140...