domenica, 25 Febbraio , 24

Mattarella chiama Piantedosi: manganelli su studenti è fallimento

Fratelli d’Italia attacca sinistra. Schlein: “Irresponsabili, Meloni...

Tajani eletto segretario Fi promette unità. Ma evita conta su vice

“Non divisioni e ambizioni personali”. Ma non...

G7: pronti a nuove sanzioni a Russia, anche contro soggetti terzi

“Impegno per attuare pientamente le misure prese” Roma,...

Sassuolo-Empoli 2-3, colpo salvezza dei toscani allo scadere

(Adnkronos) – Colpo salvezza dell’Empoli che...

Gaza, medico di Msf: “L’ospedale al-Shifa sta quasi crollando”

Video NewsGaza, medico di Msf: "L'ospedale al-Shifa sta quasi crollando"

Lo stesso dove ieri Israele ha bombardato convoglio ambulanze

Gaza (Striscia di Gaza), 4 nov. (askanews) – Un ospedale al collasso che sta “quasi crollando” con feriti ovunque sistemati come si può, e medici che operano senza anestesia. È la denuncia del dottor Abu Abed, vice coordinatore medico di Medici Senza Frontiere (Msf) a Gaza. Le immagini sono quelle dell’ospedale di al-Shifalo stesso davanti al quale ieri i missili israeliani hanno centrato almeno un’ambulanza di un convoglio, uccidendo 15 persone. Secondo lo Stato ebraico il convoglio avrebbe trasportato una cellula di Hamas, ricostruzione smentita dal portavoce del ministero della Sanità di Gaza, Ashraf al-Qudra, citato da al Jazeera.”L’ospedale sta quasi crollando – ha detto Abu Abed – medici, infermieri e personale sanitario sono esausti e lavorano senza sosta da 23 giorni. Non ci sono farmaci, ci sono molte carenze. I chirurghi stanno operando a terra, sul pavimento, stanno operando ovunque. Non ci sono farmaci anestetici, e i chirurghi stanno operando senza anestesia. Non ci sono antidolorifici, non c’è assistenza post-operatoria. Chiediamo adesso un cessate il fuoco e di lasciare che gli aiuti medici entrino a Gaza e che il personale medico entri e supporti gli ospedali”.La situazione dell’ospedale di al-Shifa è disperata, ha spiegato Abu Abed, come quella della maggior parte degli altri centri sanitari di Gaza. A causa dell’esaurimento delle scorte di carburante e degli attacchi, l’ospedale dell’Amicizia turco-palestinese, supportato da Msf, è ora fuori servizio. Era l’unico ospedale pubblico per i malati di cancro nella Striscia.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles