2.8 C
Firenze
martedì, Gennaio 31, 2023

Bassetti avverte: “Preoccupano altri virus oltre il Covid, il rischio è Natale a letto”

Must read

Il Fmi alza le stime di crescita, l’Italia sfugge alla recessione

Pil 2023 +0,6%. Alzate anche previsioni globali ma limate su 2024 Roma, 31 gen. (askanews) - Il Fondo monetario internazionale ha rivisto al rialzo le...

I volti di mille anziani in piazza Duomo: un’installazione di JR

Il progetto Inside Out arriva a Milano, sui due Arengari Milano, 30 gen. (askanews) - Un capitolo milanese per il progetto "Inside Out" dell'artista francese...

Udinese-Verona 1-1, a Lazovic risponde Samardzic

Verona a -5 dalla salvezza Roma, 30 gen. (askanews) - Il pareggio tra Udinese e Verona (1-1) chiude la 20^ giornata del campionato di Serie...

Ricci (Pd): “I Comuni non hanno le risorse per affrontare i rincari dell’energia”

ROMA – "Non ci sono le risorse necessarie per l’aumento del costo energetico, ovviamente tutti noi ci auguriamo che nel 2023 il prezzo del...

ROMA – “Nutro preoccupazioni per tutto ciò che non è Covid. Negli ultimi due anni abbiamo parlato unicamente di Covid e probabilmente la gente si è dimenticata che esistono anche altri problemi. Quindi oggi quando la gente ha il risultato di un tampone negativo è sollevata perchè pensa di non avere il Covid. Ma magari ha un’influenza che potrebbe essere anche molto peggiore rispetto al Covid“. Lo ha detto Matteo Bassetti, professore ordinario di Malattie Infettive all’Università degli studi di Genova, intervenuto oggi a Radio24.

“Non dimentichiamoci che oggi siamo una popolazione praticamente protetta dal Covid al 100% tra vaccinati e guariti. Quindi il Covid, un po’ per la variante meno aggressiva ma più contagiosa, un po’ perchè siamo più protetti, non è un problema. Il problema sono gli altri virus– ha spiegato Bassetti- O magari gli altri virus che si mischiano insieme al Covid. Abbiamo già numerosi casi di influenza insieme a Covid e virus respiratori. Sono tornati a picchiare duro anche gli altri agenti di polmonite, come lo pneumococco: c’è una risalita impressionante di casi. Questo vuol dire che il Covid non è più l’unico playmaker, ci sono anche gli altri. Il messaggio che deve arrivare alla gente è che va fatto il richiamo influenzale, per evitare di farci un Natale a letto”.

LEGGI ANCHE: Tosse, febbre e dolori articolari: covid o influenza? I sintomi delle nuove varianti

AUMENTANO I CASI DI PNEUMOCOCCO

Bassetti ha parlato anche della situazione preoccupante all’interno dei reparti. “Ci siamo preparati per ricevere casi Covid, ma nei reparti siamo pieni di casi di pneumococco e altri virus influenzali. Non la chiamerei emergenza, ma non eravamo più abituati a vedere così presto tanti casi di infezioni inflenzali- ha sottolineato Bassetti- Non si può dire che non avessimo previsto questa stagione influenzale, ma quest’anno è arrivata veramente presto. Così presto arrivò solo nel 2009, l’anno della pandemia della suina con milioni di casi al mondo e centinaia di migliaia di morti. Ma andandosi a vaccinare si può evitare”.

L’IMPORTANZA DELLA VACCINAZIONE

Bassetti ha sottolineato che come mascherine e distanziamento in questi anni abbiamo evitato il diffondersi anche degli altri virus, oltre al Covid. “Non possiamo continuare su quella linea. Anziani e fragili possono continuare a indossare le mascherine per sentirsi più sicuri, ma la popolazione generale non può continuare con la filosofia della mascherina obbligatoria. Ci sono altri strumenti per proteggerci, come ad esempio la vaccinazione”. Su questo, per il docente “si è sbagliato qualcosa nella comunicazione. Qui c’è qualcuno che nel 2022 non ha ricevuto neanche una dose di vaccino per il Covid. Qualcosa si sta sbagliando. Non sono d’accordo nel vaccinarsi ogni 4 mesi, ma almeno una volta all’anno se si è fragili. Nel 2022 se si è fragili bisogna fare il richiamo. Ci sono stati ritardi- ha sintetizzato Bassetti- ma ora non è il momento di guardare indietro”. Il docente si è detto soddisfatto della campagna di comunicazione per la vaccinazione avviata dal ministero della Salute. “Spero che porti i suoi frutti già nei prossimi 15 giorni, non abbiamo il tempo di aspettare Natale“, ha concluso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it continua a leggere sul sito di riferimento

Latest article

Il Fmi alza le stime di crescita, l’Italia sfugge alla recessione

Pil 2023 +0,6%. Alzate anche previsioni globali ma limate su 2024 Roma, 31 gen. (askanews) - Il Fondo monetario internazionale ha rivisto al rialzo le...

I volti di mille anziani in piazza Duomo: un’installazione di JR

Il progetto Inside Out arriva a Milano, sui due Arengari Milano, 30 gen. (askanews) - Un capitolo milanese per il progetto "Inside Out" dell'artista francese...

Udinese-Verona 1-1, a Lazovic risponde Samardzic

Verona a -5 dalla salvezza Roma, 30 gen. (askanews) - Il pareggio tra Udinese e Verona (1-1) chiude la 20^ giornata del campionato di Serie...

Ricci (Pd): “I Comuni non hanno le risorse per affrontare i rincari dell’energia”

ROMA – "Non ci sono le risorse necessarie per l’aumento del costo energetico, ovviamente tutti noi ci auguriamo che nel 2023 il prezzo del...

Informativa su Cospito in Cdm:governo sposa compatto linea fermezza

Relazioni di Nordio, Piantedosi e Tajani. La revisione del 41bis non è stata affrontata Roma, 30 gen. (askanews) - Il caso di Alfredo Cospito è...