sabato, 24 Febbraio , 24

Mattarella chiama Piantedosi: manganelli su studenti è fallimento

Fratelli d’Italia attacca sinistra. Schlein: “Irresponsabili, Meloni...

Tajani eletto segretario Fi promette unità. Ma evita conta su vice

“Non divisioni e ambizioni personali”. Ma non...

G7: pronti a nuove sanzioni a Russia, anche contro soggetti terzi

“Impegno per attuare pientamente le misure prese” Roma,...

Sassuolo-Empoli 2-3, colpo salvezza dei toscani allo scadere

(Adnkronos) – Colpo salvezza dell’Empoli che...

Alla Festa di Roma “The Goat”, il film dalla parte delle donne

Video NewsAlla Festa di Roma "The Goat", il film dalla parte delle donne

Regia di Ilaria Borrelli, con Mira Sorvino, Savage e Maya Talem

Roma, 28 ott. (askanews) – È stato presentato in anteprima nella sezione Alice nella città della Festa del Cinema di Roma “The Goat” il film di Ilaria Borrelli, interpretato da Mira Sorvino, John Savage, Maya Talem. Protagonista Hadyia, una ragazza orfana costretta a un matrimonio precoce e violento. Incinta a soli undici anni, si vede costretta a fuggire e a viaggiare attraverso il deserto, per salvare la sorgente d’acqua del suo villaggio da un’avida corporazione occidentale. Hadyia porta con sé solo la sua capra, per potersi sostenere durante il viaggio bevendo il suo latte. A volte però, ingerendolo, le sembra di sentir parlare sua madre.La regista spiega: “La cosa più importante è capire che siamo tutti legati, che queste tragedie umanitarie che succedono nei Paesi poveri poi noi crediamo che siano delle tradizioni lontane, che non ci riguardano ma invece molto spesso sono proprio i nostri Paesi con la tentazione dei soldi che creano questo sconquasso localmente”. In mezzo alla guerra e alla povertà sono le giovani ragazze a sopportare maggiormente il peso della sofferenza, diventando spesso le prime vittime. Alcune di loro vengono scambiate come spose o costrette a prostituirsi, come spiega una delle protagoniste del film, Maya Talem: “Sono molto contenta che siamo riusciti a far sposare il nostro film a una organizzazione umanitaria come Action Aid, che dà un supporto psicologico e anche legale per queste bambine e queste ragazze vittime di questi abusi.Abbiamo rafforzato il nostro film per andare oltre, far arrivare il messaggio a tutti quanti. Nel senso che assicurare un futuro dignitoso a tutte queste ragazze è un dovere universale”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles